images

Abbiamo fatto e disfatto.

Sciopero della fame, presidi, lunghe riunioni e articoli di giornale.

Questa notte alle 24 scadono i piani 162 e, alla buon’ora, è stata appena pubblicata la delibera di giunta per le proroghe nonché per le nuove domande.

Potevano aspettare ancora un po, con tutte le urgenze che ci sono in questo periodo cosi difficile per la nostra isola.

I piani sono stati prorogati fino al 31/12/2015 e i nuovi partiranno da ottobre (3 mesi del 2015 che ovviamente non prenderanno gli arretrati).

Abbiamo fatto e disfatto e alla fine hanno tagliato.

I piani con punteggio inferiore ai 70 punti (quelli meno gravi secondo loro) hanno subito tagli che vanno dai 150 euro ai 250 euro annui.

Un bambino autistico come mio figlio avrà 225 euro in meno da spendere per le sue terapie, perderà, ad occhio e croce, un mese di percorso specifico per gli apprendimenti che è  una parte della suo percorso terapeutico.

Cosa sarà mai e di che vado lamentandomi!

Mi lamento di ogni passo indietro fatto da mio figlio, me ne lamento ogni volta che dipende da lui e dalla sua condizione, da noi e dalla nostra stanchezza e ancora me ne lamento di più oggi che dipende dalla grettezza del decisore politico.

Non solo me ne lamento ma me ne indigno. Questo taglio non risanerà le casse della sanità regionale perché è un taglio irrisorio nel complesso, ma  graverà sulle singole famiglie e soprattutto ci arriva come un segnale, non un buon segnale.

Un segnale di disattenzione, di superficialità. Abbiamo un sistema d’eccellenza di cui non si parla fuori dai confini regionali, non sia mai che a qualcuno venga in mente di imitarci.

La conseguenza è che anche qui si sta lentamente (ma neanche tanto) cercando di smantellare le buone prassi, quello di cui si può andar fieri, invece di fare del “modello Sardegna” una bandiera.

E va bene, del resto si fanno i proclami, la I@scola e il percorso ciclabile.

A proposito, ci uscirà 1 metro di percorso ciclabile con i 225 euro tolti a mio figlio?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *