L’anno che verrà.

Prima di scrivere a riguardo dell’anno che verrà, è doveroso fare una carrellata di ciò che è stato il 2015.

Quest’anno che volge al termine ci ha regalato moltissime emozioni, molte fatiche e tante speranza per il futuro.

L’anno è stato caratterizzato da una estenuante lotta per la salvaguardia dei diritti acquisiti in Sardegna per la disabilità della quale potete leggere qui: http://sensibilmente.org/portfolio-item/meglio-tardi-e-comunque-allultimo-giorno-utile/.

Esperienza stancante ma molto formativa, ci ha portato al confronto politico con i vertici regionali e ha certamente arricchito il bagaglio d’esperienza necessario per affrontare le battaglie future; non solo, ci ha permesso di entrare e partecipare attivamente al gruppo di associazioni che da 15 anni tutela la 162 in Sardegna e qui abbiamo fatto incontri e conoscenze davvero importanti, sia sul lato “formativo” ma ancora di più su quello umano. Un grazie speciale va al “Comitato delle famiglie per l’attuazione della 162 in Sardegna”.

A gennaio abbiamo organizzato il seminario “fare rete; autismo, disabilità e scuola” del quale potete leggere qui: http://sensibilmente.org/portfolio-item/seminario-fare-rete-grande-opportunita-per-conoscere-lautismo/ e dal quale sono scaturiti in seguito progetti per la scuola come questo: http://www.olbia.it/autismo-progetto-sperimentale-olbia-sensibilmente-scuola-studenti-istituto-comprensivo-olbia-09-11-2015/

A giugno altro importante evento sulla diagnosi precoce, “otto passi avanti, la diagnosi precoce in autismo”(http://sensibilmente.org/portfolio-item/8-passi-avanti/) grazie al quale segue la destinazione di una somma proveniente dal Plus del distretto di Olbia (http://www.olbianova.it/politica-olbiese/i-comuni-del-distretto-sanitario-di-olbia-approvano-il-plus-26-milioni-di-euro-saranno-investiti-in-servizi-sociali dal minuto 15.30) per la formazione al riconoscimento dei campanelli d’allarme nei bimbi piccoli, indirizzati a pediatri, operatori di asilo nido e insegnanti di scuola dell’infanzia. Ci tengo a precisare che si tratta del primo progetto in Sardegna articolato, strutturato e destinato alle categorie indicate sopra.

Ad agosto, dopo un anno di fatiche, dopo papà che si sono inventati imbianchini, idraulici, elettricisti e muratori e mamme che si sono improvvisate giardiniere, arredatrici e addette alle pulizie, finalmente abbiamo inaugurato la sede di sensibilMente. Un appartamento di 130 mq, concesso in uso gratuito da Confidi commercio (che sempre ringraziamo) e che aveva subito ingenti danni dall’alluvione del 2013, è in qualche modo ritornato ad essere parte della città grazie e soprattutto al contributo delle tantissime persone che hanno donato giocattoli, arredi e aiuti di ogni tipo. Di seguito alcune immagini della festa di inaugurazione alla quale hanno partecipato centinaia di persone, tantissimi bambini, autorità cittadine ma soprattutto tutte le nostre famiglie.

Lascia un commento